SILVIA DONADELLO


“Pensieri di una “fotografante” ,imperfetta,inesperta,pigra,creativa , allegra ma non troppo, sensibile anche troppo, simpatica a tratti, malinconica a volte,spesso nostalgica,distratta… praticamente, sempre.”

giovedì 6 novembre 2014

"Perché le stelle illuminano la via ma la musica illumina l’anima"

Ciao miei fotopensanti,
Portate pazienza per oggi,questo post sarà molto più lungo degli altri. 
Esattamente oggi sono 11 mesi che è morto un ragazzo che non conoscevo molto bene, ma di cui ho tantissimi e bellissimi ricordi e con cui ho fatto a tempo a vivere momenti meravigliosi. 
Ve ne ho già parlato in uno dei primi post di questa persona così buona e generosa, solare e divertente.
Spero che vi piaccia.





"Perché  le stelle illuminano la via ma la musica illumina l’anima"

Quel luogo non assomigliava affatto alle figure che aveva visto sui libri, ma gli sembrava un milione di volte meglio. Il suo sguardo vagava in quello spazio immenso,era  più grande di quello che si sarebbe aspettato. Nemmeno con tutta la sua più  fervida fantasia sarebbe riuscito ad immaginare una cosa di quel genere.

Mentre scie luminose scivolavano vicino a lui, una miriade di colori, e di vortici colorati incastonati in una lastra scura lo attraversavano una voce profonda interruppe il suo stupore e il suo disorientamento. 
Qualcosa non va? ” disse il suono apparso all’improvviso tra le stelle luminescenti. Il ragazzo sussultò e subito dopo un’espressione triste si disegnò sul suo volto.
 “ Io non sono ancora pronto per tutto ciò.. i miei famigliari e i miei amici non lo sono.” disse marcando il tono sulle ultime parole. 
Si adagiò mollemente su una scia luminosa. 

La voce misteriosa s’impietosì alle parole del ragazzo e cominciò a pensare ad un modo  per poterlo consolare
 “Dunque.. cosa posso fare per te e i tuoi cari?” disse in tono pensieroso. “potrei trasformarti in una nuvola, soffice e bianca.. ma le nuvole a volte sono  grigie e portano pioggia quando sono cariche, meglio di no.”
 Il ragazzo annuì visibilmente, non gli piaceva l’idea di prendere forma in una cosa che non fosse allegra, perché lui era solare e divertente

Potresti diventare un albero.. così le persone potrebbero ripararsi sotto le sue fronde” ma lo disse con poca convinzione. Gli alberi erano belli ma voleva che prendesse la forma di qualcosa che fosse mobile che potesse fluttuare, volare, e ovunque  ci fosse spazio e aria.
O che ne dici di una stella? Domandò. Ma era convinto che per lui ci volesse qualcosa di diverso.
trovato forse. Potresti diventare una nota musicale!
Il ragazzo si animò subito, i suoi occhi si ravvivarono e pensò che l’idea fosse fantastica. La musica era tanto per lui.
l’universo pensò di aver fatto la scelta giusta,osservando il suo sguardo raggiante.  era soddisfatto. 

“Bene…” disse l’universo, è deciso. “D’ora in poi sarai una nota musicale” comunicò in tono solenne. 
Il giovane uomo  per curiosità chiese : “ Perché non potrei essere una stella?
”Perché ragazzo mio le stelle sono bellissime da vedere, hanno una lucentezza meravigliosa ma sono intoccabilitu non eri così, e nemmeno la musica lo è . La scintilla della musica arriva ai cuori di tutti,ed è di tutti umile e sincera, è una cosa buona, come te.
“ Ogni volta che uno strumento suonerà  o semplicemente della musica aleggerà nell’aria tu sarai presente, e i tuoi amici, i tuoi cari ti avvertiranno attraverso il suono. Perché anche la melodia è una forma d’amore, è una scintilla che ha una lucentezza particolare che non ha nulla di meno delle stelle, brilla solo in modo diverso ma quando brilla questa scintilla lo si sente sempre e ovunque.

La musica cambia l’umore delle persone, fa commuovere, fa riflettere, fa ridere, fa saltare,  esalta gli stati d’animo, accende la passione ,schiarisce i sentimenti.  
E’ la via per arrivare ai ricordi di chi ti ha amato di chi ti ama ancora, di chi ti ha ogni giorno nella mente e nel cuore perché le stelle illuminano la via ma la musica illumina l’anima. 

Spero che questo modesto racconto vi sia piaciuto, mi è sembrato il modo più giusto per ricordarlo.
A presto... Silvia 

12 commenti:

  1. Un racconto che arriva dritto al cuore, che emoziona e mette in riflessione!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatris! Grazie mille della tua visita e del tuo graditissimo commento!
      Buona giornata e a presto.. Silvia ^^

      Elimina
  2. Ricordi in musica...
    qualcosa che lega in modo indissolubile.
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio! Vero.. la musica può fare anche questo..
      Grazie della visita e delle belle parole!
      A presto... Silvia ^^

      Elimina
  3. Verissimo le stelle illuminano la vita ma la musica illumina l'anima e la vita di chi la ascolta!
    Un bacione Buon lunedì e migliore settimana appena iniziata Dream :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arwen! Grazie mille della visitae del bellissimo commento! La musica ha un grande potere soprattutto sulla nostra anima!
      Buona settimana anche a te e a presto... Silvia ^^

      Elimina
  4. La notte senza stelle è triste, l'anima senza musica, vaga in cerca delle note, non si arrende, basta anche un sussurro lieve di un filo d'erba che nasce.
    Ascoltare in sintonia del "bene".
    un forte abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa! Che splendide parole! sei bravissima! Grazie mille per la visita!
      A presto... Silvia ^^

      Elimina
  5. Grazie cara Silvia, che mi hai permesso di venire in questo interessante post.
    Ciao e n^buona notte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso,
      Grazie mille di esser venuto qui!
      A presto.. .Silvia ^^

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao Podi!
      Grazie mille, sono contenta che ti piaccia!
      A presto... silvia ^^

      Elimina